Verso Tramatza 23/9: Siamo in molti. Regole per chi vuole intervenire

Le adesioni all’assemblea del 23 sono tali da far pensare a un evento molto più numeroso di quanto ci si aspettava.
Serve applicare piccoli accorgimenti organizzativi.
Il primo dei quali è essere sintetici.
È dunque necessario
– pensare interventi che stiano tassativamente tra i 3 e i 5 minuti;
– chi volesse iscriversi a parlare scriva a info@ilpartitodeisardi.eu;
– gli amministratori locali hanno priorità sugli altri;
– tenere a mente l’argomento voluto dagli amministratori al centro della riunione: È possibile costruire l’unità della Sardegna oltre gli schieramenti tradizionali;
essere propositivi sulla conclusione dell’assemblea, in modo da attivare un processo generalizzato e inatteso che continui nel tempo;
– non sono ammessi insulti o comunque parole violente e ultimative.
Qualora le adesioni continuino ad aumentare come sta accadendo in questi giorni, sarà valutata e comunicata la possibilità di trasferirsi in una sala più grande.

1 comment for “Verso Tramatza 23/9: Siamo in molti. Regole per chi vuole intervenire

  1. Rosa Piras
    14 settembre 2018 at 13:01

    L’incontro del 23 a Tramatza sta suscitando molte aspettative. E’ il clima giusto per un avvenimento centrato su un inusitato obiettivo:” unire i sardi intorno alla coscienza dei loro diritti, del loro doveri e dei loro interessi”.
    Chiarire, ribadire, esemplificare, come fa Paolo Maninchedda nei suoi articoli,che le diverse appartenenze politico-culturali non devono impedire la “Convergenza nazionale” è una grande intuizione che ci richiama alle nostre priorità di cittadini di Sardegna, ma,soprattutto, indica un metodo di lavoro che, se praticato, ci consentirà di essere costruttivi e trovare ragionate e meditate sintonie anche su questioni di frontiera italiana ed europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *