Un protocollo d’intesa per la sicurezza dei bambini a scuola

Il Partito dei Sardi ritiene urgente che la Regione Sardegna si doti di un protocollo d’intesa fra Assessorato alla Sanità e Assessorato all’Istruzione per la somministrazione dei farmaci in orario e ambito scolastico ai bambini con specifiche patologie che richiedono un intervento urgente

Edilizia. News dalla Giunta regionale

“Le organizzazioni sindacali sanno perfettamente che le porte della Regione sono e saranno sempre aperte per discutere dei problemi dell’edilizia pur nella difficile situazione in cui una complessa normativa nazionale e la crisi economica pongono le istituzioni e le imprese”. Lo dice l’assessore dei Lavori Pubblici, Paolo Maninchedda, dopo aver appreso della manifestazione organizzata per giovedì ad Abbasanta per richiamare l’attenzione sulla crisi del settore edile in Sardegna.

Ratifica della Carta Europea delle lingue regionali o minoritarie e nuove linee di politica linguistica in Sardegna

Per Venerdì 28 novembre 2014, a partire dalle ore 16,30 – presso il SALONE DI PALAZZO VICEREGIO in CAGLIARI – l’associazione FONDAZIONE SARDINIA ha promosso un incontro tra uomini di cultura, associazioni e operatori della lingua e cultura sarda con Senatori e Deputati della repubblica, Consiglieri regionali e dirigenti di partiti politici in vista della presentazione presso il Parlamento del disegno di legge per la ratifica da parte dello Stato italiano della Carta Europea delle lingue regionali o minoritarie.

Diga di Monti Nieddu.
C’è l’ok dell’Unione Europea

Il Partito dei Sardi prende atto con soddisfazione che la battaglia per la diga di Monti Nieddu sta segnando un importante punto a nostro favore. La UE sta dando ragione alla nostra visione e ai tanti cittadini che a Sarroch e nel territorio si stanno mobilitando per fare dell’economia dell’acqua una prospettiva economica nuova, condivisa, ecosostenibile.

In marcia per la diga

Il Partito dei Sardi pensa che sia giunto il momento di unire le forze per rendere evidente in modo forte e definitivo che cittadini, imprenditori e istituzioni del territorio vogliono che la diga di Monti Nieddu sia completata al più presto e che attorno ad essa possa nascere un nuovo modello di sviluppo dei territori circostanti.

Chi ancora oggi, con atteggiamenti strumentali, scorretti o addirittura offensivi, pensa di potersi sostituire alla volontà del territorio e agli interessi delle nostre popolazioni dovrà necessariamente ricredersi. Completare la diga non è un nostro capriccio

Un piccolo dono alla Sardegna e ai sardi emigrati

La Sardegna chieda a Tirrenia di applicare la tariffa politica per le festività

di Franciscu Sedda
Nel recente accordo firmato dalla Regione Sardegna con Tirrenia è inclusa la possibilità da parte della Regione di richiedere, in determinate circostanze ritenute di interesse per la nostra comunità, una tariffa di favore per chi viaggia dall’Italia alla Sardegna e ritorno.

Dalle Zone Franche Urbane alla sovranità fiscale

di Franciscu Sedda
Segretario Nazionale del Partito dei Sardi

Lo Stato non perde occasione per dimostrare la sua attenzione per la Sardegna.

È di ieri il giusto richiamo dell’Assessore Paci al governo perché mantenga gli impegni in materia di Zone Franche Urbane. Le risorse previste per la defiscalizzaione riguardante Cagliari, Quartu, Iglesias dopo essere state ancora una volta promesse e garantite rischiano di non esserci più.

Crisi Meridiana.
Sovranità e responsabilità

di Franciscu Sedda
Bisogna ammetterlo: l’Italia è un paese da ammirare. È da ammirare come riesce a sfuggire alle sue responsabilità e a far ribellare i sardi contro la Sardegna.

Vi ricordate la vicenda Alitalia? Vi ricordate quando Berlusconi ci vinse una campagna elettorale al grido “non passi lo straniero” (all’epoca era Air France)? Vi ricordate che la spezzarono in una parte “cattiva”, piena di debiti, da far pagare ai cittadini

Per Roma il rischio idrogeologico della Sardegna è a Cagliari. Ovviamente parliamo di Abbanoa anche oggi. Toglieremo la cacca dal Cedrino

di Paolo Maninchedda
Il Ministero dell’Ambiente ha convocato per giovedì prossimo una riunione per il rischio idrogeologico delle aree metropolitane. Convocati per la Sardegna: Presidente della Regione, Direttore del Distretto Idrografico, Sindaco di Cagliari. Torpé? Non censita. Olbia? Non censita. Bitti? Non datur. Terralba? Non pervenuta ecc. ecc.
Sono i primi effetti dell’Area Metropolitana. Il luogo che ha più popolazione richiama, ovviamente e legittimamente, più attenzioni. Il resto del territorio? Un problema scaricato alla Regione.

Consiglio Provinciale di Sassari, approvata all’unanimità la mozione per la lotta contro il “Punteruolo rosso”

La mozione, che ha come primo firmatario Gavino Pinna del Partito dei Sardi, “impegna la Presidente della Provincia e l’Assessore all’Ambiente a proseguire il lavoro di disinfestazione sulle essenze in questione e a perseguire la lotta di prevenzione sulle palmacee al fine di scongiurare ulteriori danni, ed inoltre ad intensificare l’azione divulgativa e di informazione attraverso i media e gli organi di stampa affinché si venga a conoscenza delle corrette procedure agronomiche da adottare per il controllo e la lotta all’insetto in questione”.

Presentazione del nuovo “Sportello Lavoro”

Grande successo di pubblico alla presentazione del nuovo “Sportello Lavoro” tenutosi presso la sede di Cagliari del Partito dei Sardi da Dolores Leori con la partecipazione del Segretario Franciscu Sedda.
Partendo dai dati istat sull’aumento della disoccupazione in Sardegna sull’ulteriore decremento occupazionale femminile e giovanile specie nelle classi di età tra i 15 e i 34 anni e tra i 35 e i 49, si è analizzato il fenomeno complessivo …

Un’Assemblea Sarda per il Diritto a Decidere

di Franciscu Sedda
Del referendum d’indipendenza della Catalogna svoltosi il 9 di Novembre è stato detto tanto se non tutto. Viverlo in presa diretta, come singoli, come Partito dei Sardi, come rappresentanti della Nazione sarda, è stato esaltante. A distanza di giorni la cosa che risulta personalmente più toccante è il fatto di essere stati ringraziati costantemente per la nostra presenza e il nostro supporto.
“Grazie, grazie per essere venuti dalla Sardegna, grazie per essere qui” ci è stato detto da tante donne e uomini di Catalogna …