Integrazione tra sanità pubblica e privata per garantire equità ed efficienza

L’Assemblea Sarda esamina oggi il capitolo 10 della riforma della rete ospedaliera che disciplina la sanità privata. Stamattina è stato votato uno degli emendamenti più significativi presentati dal Gruppo del Partito dei Sardi. Gli obiettivi sono quelli da sempre perseguiti nella lunga e impegnativa attività consiliare portata avanti dal PdS: equità, ridistribuzione nel territorio, efficienza.
Gianfranco Congiu, Capogruppo del Partito, è intervenuto in Aula per riaffermare la necessità di un sistema sanitario equo, ben distribuito ed efficiente

Agenzia Sarda delle Entrate. Una battaglia di equità e di giustizia

Prendiamo atto della posizione assunta dal Presidente Pigliaru nei confronti del governo italiano: attendiamo di conoscerne i contenuti, le risposte che verranno date e i risultati attesi.
È una battaglia di equità e di giustizia che portiamo avanti per garantire che i soldi dei sardi rimangano in Sardegna. Lo interpretiamo come il primo di una serie di passi che dovranno segnare un aumento della competitività nel confronto con il governo.

Partito dei Sardi sulla rete ospedaliera: equità sui posti letto

Il Partito dei Sardi presenterà in Aula diversi emendamenti a tutela e garanzia di un sistema sanitario equo, ben distribuito ed efficiente, che esalti il settore pubblico senza trascurare il ruolo fondamentale degli operatori della sanità privata.

Puntiamo alla perfetta integrazione tra pubblico e privato, in un processo in cui il potenziamento dei servizi erogati dal privato non penalizzi in alcun modo la sanità pubblica, facendo prevalere il principio di “specificità” o di “non esclusività”, in modo che che il famigerato D.M. 70 non sia mai recepito acriticamente ma venga adeguato alle particolarità della nostra isola.
Nel dettaglio, gli emendamenti proposti perseguono questi obiettivi:

Partito dei Sardi su accantonamenti, vertenza entrate, ASE. Basta errori e questua, servono dignità e sovranità

Il Partito dei Sardi ha chiesto e ottenuto che il Presidente della Giunta riferisca in Consiglio sulla vicenda degli accantonamenti per esercitare in modo chiaro e riconoscibile il dovere di difesa degli interessi dei sardi che sta in capo ai membri del Parlamento della Sardegna.

Se oggi oltre 600 milioni sono sottratti dallo Stato alla Sardegna è per una precisa responsabilità del Presidente della Giunta che all’inizio della legislatura, contro il nostro parere, ha condotto un negoziato col Governo italiano rivelatosi ingenuo nelle forme (come certificato in modo esplicito e umiliante dalla sentenza della Corte Costituzionale 154/2017) e dannoso nelle conseguenze, con gli effetti del ritiro dei ricorsi presso la Corte Costituzionale correttamente a suo tempo incardinati.

Quel negoziato iniziò, allo stesso modo di quello iniziato nei giorni scorsi, con incontri bilaterali tra la Giunta e il Governo italiano non preceduti da una chiara e approfondita condivisione delle istituzioni e della società sarde.
Siamo nettamente contrari alla ripetizione dell’errore.

Rete Ospedaliera. Prosegue la battaglia del Partito dei Sardi.
Augusto Cherchi in prima linea.

Ecco l’emendamento votato ieri in aula (Augusto Cherchi primo firmatario) sugli ospedali di zona disagiata.
Rappresenta una tappa di una lunga battaglia con la quale finalmente si è riusciti a mettere in sicurezza gli ospedali di Bosa, Sorgono, La Maddalena, Isili e Muravera.

«Per il nostro territorio è una vittoria importante che sancisce una volta per tutte che il nostro ospedale deve sopravvivere con i servizi essenziali per tutta la popolazione» dichiara Augusto Cherchi «finisce l’era in cui si è vissuto con l’incubo della spada di Damocle sulla chiusura dell’ospedale, che da quando è nato vive con questa paura. Ora è stabilito che rappresenta una parte essenziale della nostra rete ospedaliera e che ha dignità di ospedale di base».

Il Partito dei Sardi: sulla sanità non facciamo la spesa al mercato del populismo

Augusto Cherchi, Consigliere del Partito dei Sardi e Membro della Commissione sanità, interviene per fare il punto sul dibattito sulla riforma della rete ospedaliera e ribadire la posizione del partito su alcuni dei punti più significativi: «Sulla questione Alghero – Ozieri riteniamo sia giusto un primo livello che completa la sanità del Sassarese, in evidente fase di ristrutturazione, che non presenta il livello di Hub che invece ha Cagliari.
Su Lanusei sono stati conservati i servizi che sono da primo livello anche se non ne avrebbe le prerogative e i requisiti minimi: non facciamo battaglie sulle etichette ma sui servizi.
Sugli ospedali di zona disagiata la nostra battaglia per il riconoscimento della tutela garantita dei servizi sta dando i suoi frutti e l’emendamento di revisione presentato da noi ma firmato e sostenuto anche della maggioranza di commissione arriva in aula forte di una buona condivisione.
Riteniamo soddisfacente anche il risultato ottenuto per Ghilarza, che mantiene la sua operatività nel territorio, e per Tempio, con la garanzia della conservazione di servizi importanti come l’ortopedia e il punto nascita.

La reggia e l’indipendenza

Franciscu Sedda
Oggi La Repubblica dedica un articolo all’indipendentismo sardo.
L’articolo inizia così: «Il sogno della Catalogna d’Italia abita qui, tra file di sughere e olivastri, le sorgenti della piana campidanese e la facciata color crema dalla reggia giudicale degli Arborea a Oristano: nel 1872 lo Stato italiano l’ha trasformata in un carcere. Gli indipendentisti vogliono riprendersela».
Il giornalista non dice chi gliel’ha detto. E come spesso è capitato alle mie idee e alle mie parole, diventano immediatamente di tutti.

Pressing del Partito dei Sardi sulla sanità. Condivisi in Commissione gli emendamenti del gruppo

Continua in Commissione Sanità l’analisi degli emendamenti al testo di riordino della rete ospedaliera.
La Commissione si appresta a completare l’esame del primo allegato, mentre l’analisi degli allegati 2 e 3 dovrebbe essere ultimata entro la mattina di martedì 10 ottobre. Augusto Cherchi, responsabile della sanità per il Partito dei Sardi e membro della Commissione, sostiene con forza le proposte del suo gruppo consiliare, che finora sono passate con voto quasi unanime.

Un cenno alle modifiche più rilevanti proposte dal Partito dei Sardi che hanno incontrato il parere favorevole degli altri membri della Commissione.

– È affermata e sottolineata la necessità di una forte integrazione tra la rete ospedaliera, la rete territoriale e la rete dell’emergenza-urgenza e ribadisce il ruolo cardine del Distretto come struttura organizzativa, gestionale e facilitatrice delle attività sanitarie in ambito territoriale.

Cagliari: Renato Lai eletto Coordinatore cittadino. Roberto Tramaloni Tesoriere nazionale

L’assemblea cittadina del Partito dei Sardi comunica che Venerdì 29 settembre 2017 ha rinnovato il proprio coordinamento eleggendo all’unanimità Renato Lai, avvocato, come nuovo Coordinatore di Cagliari. Renato Lai subentra a Roberto Tramaloni, Presidente della Commissione Personale e Affari Generali nel Comune di Cagliari.

A Roberto Tramaloni va il più sentito ringraziamento di tutto il Partito per il prezioso lavoro svolto finora. A entrambi i più sinceri auguri di buon lavoro per i nuovi incarichi.

Contesa sugli accantonamenti. Gianfranco Congiu: «Occorre un cambio di passo»

Dura presa di posizione di Gianfranco Congiu sul tema degli accantonamenti. Secondo il Capogruppo del Partito dei Sardi, la questione, soprattutto dopo la sentenza 154/2017 della Corte Costituzionale italiana, deve essere reinterpretata all’insegna di una strategia che non può più passare per generici appelli al buon senso e alla lealtà istituzionale.

La delegazione del Partito dei Sardi convocata domattina al Palau de la Generalitat de Catalunya

Parte stasera la delegazione del Partito dei Sardi convocata per domattina, sabato 30 settembre, al “Palau de la Generalitat”, il palazzo del Governo catalano, per fare il punto sull’attuazione del referendum d’indipendenza e per definire i compiti che gli osservatori e i visitatori internazionali accreditati dal Governo catalano dovranno svolgere.

Il Partito dei Sardi è particolarmente orgoglioso di poter dare il suo contributo alla riuscita del referendum e poter vivere dal cuore della macchina istituzionale un momento di democrazia e di libertà così alto ed esemplare.
La delegazione del Partito dei Sardi sarà formata dal Segretario Nazionale, Franciscu Sedda, da Gianfranco Congiu, Capogruppo PdS al Parlamento Sardo, Modesto Fenu, Componente del Direttivo Nazionale PdS, e Ornella Demuru, attivista PdS.

La Sardegna unico supporto internazionale a favore del referendum della Catalogna. Intervista a Gianfranco Congiu

Giulio Maria Piantadosi, giornalista di El Independiente, ha intervistato Gianfranco Congiu, capogruppo del Partito dei Sardi, sui rapporti tra la Sardegna e la Catalogna e sull’appoggio del Parlamento sardo al referendum per l’indipendenza.
Qui l’intervista originale in catalano.

Di seguito la traduzione:

La Sardegna, unico supporto internazionale a favore del referendum della Catalogna.
L’Unione Europea ha già voltato le spalle alla sfida indipendentista della Catalogna. Tuttavia c’è un angolo d’Europa che è in piena mobilitazione a favore del referendum: è la Sardegna, l’isola a metà strada tra Italia e Spagna. «Siamo molto vicini ai catalani. Anche in Sardegna c’è chi vuole l’indipendenza», afferma l’indipendentista Gianfranco Congiu, avvocato e portavoce del Partito dei Sardi nel Parlamento dell’isola.

Il Partito dei Sardi chiede garanzie per il prosieguo del confronto sulla sanità

C’è da parte della maggioranza una volontà di ridiscutere questa riforma?
Il Partito dei Sardi chiede garanzie per il prosieguo del confronto.

DAL PARLAMENTO SARDO
NOTA STAMPA della seduta n. 247
Martedì 26 Settembre 2017 – Pomeridiana

A nome del Partito dei Sardi ha parlato l’onorevole Gianfranco Congiu, che ha premesso: «Rappresento una forza politica che ha un perimetro ed un orizzonte statuale applicando

COMUNICATO Sanità. Il Partito dei Sardi sollecita un incontro bilaterale urgente con la Presidenza della Giunta

Il Partito dei Sardi, considerato l’imminente passaggio in aula della Legge sulla Rete Ospedaliera, ribadisce la necessità di un incontro bilaterale urgente per conoscere la volontà della Giunta in merito alle richieste avanzate nel documento della Direzione Nazionale del 19 settembre.
L’incontro sarà anche l’occasione per conoscere nel dettaglio i termini del passaggio della parte organizzativa della Qatar Foundation dal Bambin Gesù al Gemelli nella gestione del Mater Olbia.

Augusto Cherchi, Consigliere, Responsabile Sanità del Partito dei Sardi