Lingua sarda o statue di Mont’e Prama: una nazione si costruisce sommando

Una nazione si costruisce sommando le sue diversità, non sottraendole o mettendole in conflitto.
La coscienza popolare ha fatto suo il termine “Giganti” per le statue di Mont’e Prama. Gli intellettuali preferiscono “Eroi” per adeguarsi a terminologie e ipotesi scientifiche. Che si fa? Ci si scontra, invece di sommare. Ci si divide quando ci si potrebbe unire e rafforzare: “I Giganti di Mont’e Prama, eroi di Sardegna”. O viceversa. “Gli eroi di Mont’e Prama, giganti di Sardegna”.

Alcuni sono appassionati di una o di molte delle varietà della lingua sarda o delle altre lingue parlate in Sardegna. Altri invece si appassionano alla ricerca di una lingua sarda condivisa che possa imparare e utilizzare chiunque viva in Sardegna, dovunque risieda e da dovunque ci sia arrivato. Che si fa? Ci si scontra, invece di sommare. Ci si divide invece di condividere una visione originale: creare un sistema educativo in cui ognuno impari a passare dalla varietà comunale a quella territoriale a quella nazionale del sardo, e viceversa; creare un sistema educativo che dia pari dignità al sardo, all’italiano e nei rispettivi territori al gallurese, al sassarese, al tabarkino, al catalano; creare un sistema che educhi alla pluralità delle lingue, dato che già oggi, soprattutto nelle aree metropolitane bambini sardi, italiani, filippini, cinesi, senegalesi vivono fianco a fianco e non possono restare estranei; dato che già oggi, su youtube, qualunque bambina di Sardegna entra in contatto con tutte le lingue del mondo.

Cosa ci impedisce di farlo, se non la pigrizia di sottrarre invece che sommare? Di confliggere invece che creare nuova coscienza nazionale?
Ma noi siamo stufi di questa pigrizia mentale. E le nostre divisioni le vogliamo curare.
Se avete coraggio, se amate la Sardegna, fate spazio ad una nuova coscienza nazionale.
Invece di sottrarre da domani – per strada o su internet, a casa o sui banchi del Parlamento sardo – iniziate a sommare.
A innantis!

Franciscu Sedda
Presidente Nazionale Partito dei Sardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *