La finanziaria e le sfide future

Approvata una finanziaria quasi completamente rivolta al sociale, al lavoro, alla qualità della vita quotidiana dei cittadini. Con diversi interventi mirati legati al rafforzamento della nostra identità culturale e nazionale (lingua sarda, memoria storica, dominio .srd). Eppure molto, moltissimo, resta ancora da fare. E per farlo, diranno in molti, servono ben più dei 7,6 miliardi di euro stanziati. Se questo è il punto allora vale ancora una volta la pena ribadire quanto come Partito dei Sardi andiamo dicendo da tempo e che non smetteremo di ripetere finché non accadrà. Ovvero che serve una nostra politica tributaria e fiscale coraggiosa. Una politica tributaria e fiscale da Stato.
Dunque bisogna mettere l’Agenzia Sarda delle Entrate in condizione di funzionare immediatamente e pienamente. Bisogna avere il coraggio di impostare la questione Saras e accise in modo serio e risolutivo. Bisogna avere il coraggio di prendere quel po’ di buono che c’è nell’attuale Statuto in materia di fiscalità e sperimentare spazi di libertà per creare occasioni di investimento, impresa, lavoro. Bisogna farlo. Perché stiamo anche imparando a spendere meglio e più in fretta i fondi stanziati (a partire da quelli europei); perché riusciremo con santa pazienza a limitare una spesa sanitaria abnorme rispetto al totale; perché recupereremo anche gli accantonamenti indegnamente e ingiustamente trattenuti dallo Stato italiano ma alla fine, la vera sfida, è avere il pieno potere sulla propria ricchezza e liberare spazi per produrne di nuova.
Se nel mentre ci convinceremo anche che gli unici soldi non sprecati sono quelli investiti nella nostra conoscenza, nella nostra cultura, nelle nostre capacità – in una parola nel rafforzamento della nostra coscienza natzionale – allora, messe insieme dimensione fiscale e culturale, economia e identità, avremo finalmente una finanziaria della Nazione sarda e per lo Stato sardo.
Più lavoreremo in questa direzione, prima arriveremo al risultato.
Per il bene dei sardi e della Sardegna.
A innantis!

Franciscu Sedda
Segretario nazionale del Partito dei Sardi

 

1 comment for “La finanziaria e le sfide future

  1. Angelo
    1 Aprile 2017 at 3:00

    Dico una cosa ovvia.Finalmente questa finanziaria è finita ed è necessario che il partito convochi i propri iscritti per mettere a punto i prossimi obiettivi.
    Sulla Agenzia Sarda Entrate,come dice il Segretario,serve una iniziativa concreta pur sapendo che non sarà facile: le problematiche politiche e tecniche non sono di facile soluzione ed uno stormo di denigratori sono pronti a demolire l’impianto legislativo che è stato costruito.Ci vuole coraggio e fiducia ed un grande lavoro organizzativo.Nulla verrà perdonato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *