Intervento all’Assembea Nazionale – Losa, 10 Aprile 2016

Condividiamo il Documento politico proposto oggi. Un partito come il nostro deve esser capace di farsi carico delle aspirazioni dei Sardi. Una nazione giusta, prospera, degna – per usare le parole del segretario nazionale Franciscu Sedda -, è in grado di restituire speranze ai giovani, commoventi perchè consapevoli della sproporzione esistente tra le loro aspirazioni e le asperità della vita – come evidenziato dal presidente Paolo Maninchedda-. Ecco, pensiamo che l’azione del Partito dei Sardi può esser tanto più incisiva, quanto più sarà capace di incidere sui bisogni degli ultimi, fornendo loro strumenti adeguati per realizzare un progetto di vita in Sardegna. Certo, l’immagine fornita in questi giorni dalla Sardegna sembra tratta da “un romanzo criminale”. Perciò oltre alla solidarietà nei confronti delle comunità che subiscono le violenze di un’esigua minoranza, esprimiamo parole di condanna verso chi “infanga” l’immagine e la convivenza civile della nostra Terra! Perchè la finta “balentìa” produce danni equivalenti a quelli determinati dal disinteresse politico “romano”. Il nostro “fare bene” dovrà esser declinato con la legge della coscienza e della conoscenza, per il bene supremo del nostro popolo, il che significa rispetto, amore per quello che facciamo qualunque sia il nostro ruolo nella società. Oltre a condividere la necessità di un “rapporto dialettico” con Roma, dobbiamo esser noi Sardi i primi a diventare “adulti” e consapevoli, con un’idea chiara dei traguardi che possiamo conseguire. Uno di questi è l’autosufficienza nella produzione di energia, con una forte componente derivante da fonti rinnovabili. Altrettanto irrinunciabie è l’esigenza di avere un sistema di trasporto (aereo, marittimo, terrestre) efficiente e conveniente da e per la Sardegna. È necessario compiere tutti gli sforzi possibili per incentivare e incoraggiare chi si occupa del settore agro-pastorale. Per accompagnare questi punti programmataci dobbiamo sostenere finanziariamente lo sviluppo della società sarda. E l’Agenzia Sarda delle Entrate va in questa direzione. In ultimo, ma non meno importante e strategico per lo sviluppo futuro della Sardegna, c’è la promozione dell’educazione e dell’istruzione, della cultura e della ricerca scientifica.

di Alessandro Pinna
Coordinatore territoriale Partito dei Sardi Porto Torres