Il Partito dei Sardi cresce ancora

Oristano e Selargius le liste con il nostro simbolo, a scrutinio non ancora concluso, si attestano al 6%.

Coloro che amano criticarci seduti dietro un pc, incapaci di metter su liste e farsi carico della fatica della democrazia, ossessionati dalla presenza sulla scena del Partito dei Sardi, diranno che dovevamo prendere di più. Li ringraziamo, perché così dicendo confermano che l’unica questione che è rimasta sul tavolo non è “Il Partito dei Sardi cresce oppure no?” ma “quanto cresce il Partito dei Sardi?”. Che è come dire, estendo il ragionamento sul medio periodo: “Quanto tempo ci vorrà perché il Partito dei Sardi divenga il primo partito in Sardegna?”.

Del resto il valore della nostra crescita si misura ancor più che sulle percentuali sulle qualità che queste percentuali esprimono nel contesto politico sardo:

– Siamo l’unico partito in crescita. In un quadro in cui i partiti tradizionali, compresi i 5Stelle, arretrano o ristagnanonoi continuiamo ad avanzare con il giusto ritmo.

– Cresciamo in realtà metropolitane dove eravamo deboli o assenti e così facendo completiamo il quadro di una presenza omogenea e strutturata in tutta la nazione. Pronti dunque a lanciare sfide ancora più ambiziose.

– Nelle realtà metropolitane siamo rimasti l’unica forza a rappresentare l’indipendentismo. Una delle poche che si presenta, l’unica che consegue risultati importanti. E anche per questo chiamiamo a raccolta chi ha voglia di investire su un indipendentismo che non ama stare alla finestra ma che prova a governare e far avanzare la coscienza nazionale dei sardi: a questi indipendentisti oggi senza riferimento diciamo che le porte sono aperte e l’obbiettivo di costruire un partito nazionale dei sardi che superi la soglia del 10% è alla portata.

A tutto questo va aggiunto che a Oristano la coalizione guidata dal nostro Vincenzo Pecoraro si piazza terza con oltre il 17% dei voti, non distante dalla coalizione di centrosinistra. Se si considera che questa sfida è nata non programmata e con pochissimo tempo alle spalle si tratta di un grande risultato che dimostra che c’è lo spazio per costruire attorno al Partito dei Sardi aggregazioni nuove che possono sfidare i poli tradizionali o sono decisive per la conquista del governo in Sardegna.

Non solo. Il Partito dei Sardi è l’unico partito indipendentista a radicamento nazionale. I nostri candidati hanno dato vita o partecipato in tutta la Sardegna a decine di esperienze civiche in molti casi vincenti (come Ozieri, Tresnuraghes, Girasole…) o ad un passo dalla vittoria (come Terralba, Sant’Antioco…). Sulla mappa della nostra presenza locale daremo un quadro più dettagliato nei prossimi giorni. In ogni caso, decine di persone di valore che hanno nel cuore e nella testa la costruzione dello Stato sardo entreranno nelle amministrazioni locali per portare lo spirito e la forza di una politica più consapevole e coraggiosa.

A tutti e tutte va il più grande ringraziamento per l’impegno messo a disposizione della nostra terra e della nostra gente.

A innantis!

Franciscu Sedda
Segretario Nazionale Partito dei Sard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *