Good news: i 5 Stelle all’inseguimento del Partito dei Sardi!

Qualche giorno fa ho salutato positivamente l’ipotesi della trasformazione dell’attuale PD in un nuovo partito sardo, oggi mi trovo a constatare con positivo stupore che Mario Puddu, il coordinatore sardo dei 5 Stelle, ci legge, ci segue, ci cita, addirittura ci copia (qualcuno forse parlerebbe persino di plagio).

In un’intervista di queste ore Puddu riprende, voglio credere con serietà, la mia provocazione a trasformare il nome del movimento in “Cincu istellas” e parlando del programma elettorale per le prossime elezioni sarde dice che si basa sulla conquista del “potere per governarsi e collegarsi a tutte le comunità umane”, sul “rivendicare tutti i mezzi e i poteri che siano più utili e vicini al popolo di Sardegna” e che l’auspicio generale “è una comunità sarda sempre più sovrana”. In poche parole il programma dei 5 Stelle sulla via di divenire 5 Istellas si basa sul programma del Partito dei Sardi!

Certo, andrebbe ricordato che quando io e Gavino Sale incontrammo Beppe Grillo nei camerini del Teatro Lirico di Cagliari sul finire del 2008, la posizione del nascente Movimento era molto intrigata dall’indipendentismo mentre oggi, come ammette lo stesso Puddu, il potere italiano a portata di mano seduce i grillini portandoli a credere che basta cambiare l’Italia per salvare la Sardegna. Grande illusione e grande fregatura, caro Mario: il potere che ci serve la Sardegna lo deve togliere all’Italia, mentre quando si governa l’Italia è fatale che il potere lo si voglia tenere al centro. Si chiama conflitto di interessi nazionali: o prevalgono quelli sardi o prevalgono quelli italiani. Il terzo non si dà. E anche questo è scritto nel programma del Partito dei Sardi.

Ma poco male, magari parlandosi anche questa cosa si chiarisce. Ciò detto, non capisco il rigurgito di purismo che affiora in un piccolo passaggio dell’intervista. Suona molto strano. Soprattutto in ore in cui i grillini cercano accordi di governo col vituperatissimo PD. Anche su questo, caro Mario, state copiando il Partito dei Sardi, dimostrando che quando uno è sicuro del suo e vuole andare a governare, gli accordi si possono fare anche con forze distanti, se non addirittura con quelli che per voi erano i peggiori nemici. Insomma, non dico di ammettere che ancora una volta state un passo indietro rispetto al Partito dei Sardi ma almeno evitate finti e inutili purismi. Non servono alla Sardegna e non servono ad andare…a innantis! (oh, va bene la condivisione, ma non mettetevi a copiarci anche il motto!).

Franciscu Sedda
Presidente Nazionale Partito dei Sardi

2 comments for “Good news: i 5 Stelle all’inseguimento del Partito dei Sardi!

  1. Efisio Atzeni
    26 aprile 2018 at 17:50

    Cincu steddus/isteddus si narat, istellas non si podit intendi

    • amministratore
      29 aprile 2018 at 10:20

      Istella significa “stella” in alcune varietà di sardo.
      È anche il nome di un motore di ricerca lanciato il 19 marzo 2013 da Tiscali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *