Diga di Monti Nieddu.
C’è l’ok dell’Unione Europea

monteniedduIl Partito dei Sardi prende atto con soddisfazione che la battaglia per la diga di Monti Nieddu sta segnando un importante punto a nostro favore. La UE sta dando ragione alla nostra visione e ai tanti cittadini che a Sarroch e nel territorio si stanno mobilitando per fare dell’economia dell’acqua una prospettiva economica nuova, condivisa, ecosostenibile.
Il Partito dei Sardi è al loro fianco, al fianco dei cittadini, delle associazioni e degli attivisti del Partito sul territorio, che con coraggio e passione, con gli strumenti della discussione, della mobilitazione, della partecipazione, stanno creando un nuovo futuro per Sarroch e con essa per tutta la Sardegna.
Franciscu Sedda
Segretario Natzionale Partito dei Sardi

Sono passati circa 4 mesi da quando a Sarroch l’Assessore ai Lavori Pubblici Paolo Maninchedda lanciava l’idea di una petizione popolare per sollecitare la ripresa dei lavori della diga di Monti Nieddu. Noi del Partito dei Sardi di Sarroch abbiamo accettato la sfida e pazientemente in qualche giorno abbiamo raccolto tantissime firme dei cittadini del territorio che chiedevano semplicemente che si ponesse fine ad una vicenda che durava da troppo tempo e che impediva di vedere realizzata un’opera di primaria importanza per il nostro territorio. I più scettici mai avrebbero creduto che quelle firme sarebbero giunte al tavolo dell’Assessore Maninchedda e del Presidente Pigliaru. E invece è accaduto. Ed è accaduto proprio grazie a una forma di protesta costruttiva e propositiva dei cittadini, una “manifestazione positiva” come ha affermato il nostro Segretario nazionale Franciscu Sedda, con la quale si chiedeva semplicemente che la politica si facesse carico di soluzioni rapide e non a parole come era stato fatto sino ad allora. E la politica, quella fatta al governo dal Partito dei Sardi, dall’Assessore Maninchedda, dal Presidente Pigliaru, ha risposto. Oggi giunge la notizia che l’Unione Europea ha detto SI alla ripresa dei lavori e che pertanto i fondi stanziati non saranno tolti al nostro territorio. Molti, ora si innalzeranno sugli scudi per vantare il proprio interessamento per il buon esito della vicenda. Noi pensiamo di aver fatto la nostra parte e di continuare a farla sino a che la diga non sarà completata. I cittadini sapranno giudicare e distinguere chi fa, sul territorio e al governo, da chi solamente parla. Noi continuiamo il nostro impegno e continueremo a farlo informando i cittadini e chiamandoli a partecipare attivamente nelle decisioni che riguardano il loro futuro, quello dei Sardi e della Sardegna.

Partito dei Sardi Coordinamento Sarroch e Costa Sud Occidentale
Associazione Salute e Ambiente ARIA NOA