Vogliamo chiarezza sul caso dei 130 lavoratori ex tessili di Ottana

Vogliamo chiarezza sul caso dei 130 lavoratori ex tessili di Ottana: prioritario richiedere la deroga al Ministero per l’utilizzo delle risorse regionali.
A distanza di quattro mesi dal varo della legge di stabilità, registriamo un incomprensibile stallo sul versante dell’impiego delle risorse regionali (2.3 mln) stanziate in favore dei 130 lavoratori ex tessili di Ottana esclusi ingiustamente dalla mobilità in deroga per gli anni 2016/17.
Il recentissimo carteggio intercorso tra l’INPS regionale e l’Assessore del Lavoro è, sul punto, assolutamente interlocutorio poiché, rimarca l’INPS, la decisione non spetta all’Istituto bensì al Ministero competente.
A questo punto, stigmatizzato l’evidente errore in cui è incorsa la struttura assessoriale rivolgendosi a soggetto privo di competenza specifica (INPS regionale) è quanto mai urgente mettere subito in campo tutte le iniziative possibili per ottenere una risposta definitiva da parte del Ministero, unico soggetto legittimato a dare risposta alla richiesta di deroga.
Da questo momento, ogni indugio non potrà che essere letto come una presa in giro poiché sappiamo tutti che la risposta del Ministero condizionerà qualunque procedura. Dalla risposta, infatti, dipenderà la possibilità o meno di impiegare risorse regionali per recuperare la mobilità negata, sia che si ipotizzi di ricorrere al Piano LavoRas (con un evidente recupero delle indennità sulle mensilità) sia che si pensi ad altre forme di erogazione.

Il Gruppo del Partito dei Sardi
Gianfranco Congiu, Augusto Cherchi, Roberto Desini, Piermario Manca, Alessandro Unali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *